Loan

Mar 6 2019

Per saperne di più, si può donare il sangue con le mestruazioni.

#Si #può #donare #il #sangue #con #le #mestruazioni


Si può donare il sangue con le mestruazioni

L’elenco che segue riporta le patologie e le condizioni che prevedono la sospensione dalla donazione, come previsto dagli allegati al D.M. 5 marzo 2005. L’elenco sarà integrato appena possibile con le nuove disposizioni emanate dal DMTE Milano centro. Si fa presente che, nei casi non citati, il decreto ministeriale prevede espressamente che la decisione spetti al medico prelevatore.

Quattro mesi, anche se eseguita da professionisti qualificati con l’utilizzo di aghi usa e getta.

Si applica per ogni antecedente uso non prescritto di sostanze farmacologiche per via intramuscolare, endovenosa o tramite altri strumenti in grado di trasmettere gravi malattie infettive, comprese sostanze stupefacenti, steroidi od ormoni a scopo di culturismo fisico.

In alcuni casi la sospensione può essere temporanea, a giudizio del medico.

. epatite B: 4 mesi;

. altri epatitici: un anno;

. HBsAg positivi: variabile a seconda dell’esito di determinati esami;

. anti HCV positivi: nessuna;

. anti HIV positivi: nessuna;

. tossicodipendenti, prostitute, ecc.: nessuna;

. malattie esantematiche, parotite, mononucleosi, pertosse: 4 settimane.

Convulsioni diverse da quelle febbrili infantili, ad eccezione di quelle per le quali sono

trascorsi tre anni dall’ultima terapia anticonvulsiva senza ricadute.

· cure di minore entità da parte del dentista od odontoigienista: 48 ore

· estrazione, devitalizzazione o interventi analoghi: una settimana

· interventi maggiori (ad es. estrazione di ottavo incluso): un mese

Si applica per ogni antecedente uso non prescritto di sostanze farmacologiche per via intramuscolare, endovenosa o tramite altri strumenti in grado di trasmettere gravi malattie infettive, comprese sostanze stupefacenti, steroidi od ormoni a scopo di culturismo fisico.

In alcuni casi la sospensione può essere temporanea, a giudizio del medico.

. Epatite A: Sospensione temporanea per 6 mesi dopo la guarigione clinica.

. Epatite B: Dopo guarigione e acquisita immunità: 1 anno. Eccetto persone divenute HBsAg negative e HBsAb positive.

. Epatite C: sospensione permanente, per la protezione della salute del ricevente.

Epatite infettiva ad eziologia indeterminata: sospensione permanente, per la protezione della salute del ricevente.

. Epatite A: Sospensione temporanea per 6 mesi dopo la guarigione clinica.

. Epatite B: Dopo guarigione e acquisita immunità: 1 anno. Eccetto persone divenute HBsAg negative e HBsAb positive.

. Epatite C: sospensione permanente, per la protezione della salute del ricevente.

Epatite infettiva ad eziologia indeterminata: sospensione permanente, per la protezione della salute del ricevente.

Il reclutamento di un nuovo donatore di età superiore a 60 anni, così come la donazione di sangue

da parte di donatori abituali di età superiore ai 65 anni, può essere autorizzata dal medico responsabile della procedura di selezione.

(Clenil, Becotide, Bentelan, Urbason, Deltacortene, Flebocortid, ….)

per la somministrazione di vaccini costituiti da virus, batteri, rickettsie uccisi o inattivati o da tossoidi, quali contro:

· rabbia (per immunoprofilassi – se il vaccino è stato somministrato dopo morsicatura l’esclusione è per un anno);

· febbre tifoide e paratifoide;

· febbre delle Montagne Rocciose;

Nessuna esclusione per i vaccini dell’encefalite da zecche, se il soggetto sta bene e non vi è stata esposizione.

. ambulatoriali minori: una settimana dopo guarigione della ferita e valutazione dell’intervento in presenza

della documentazione (le biopsie rientrano in questa casistica e vanno valutate consultando i risultati degli esami istologici);

. maggiori (oltre una settimana di ricovero): 4 mesi dopo la guarigione.

Si applicano tuttavia i seguenti periodi di esclusione per le infezioni indicate in tabella:

Inidoneità temporanea fino ad un anno dopo il parto.

sia a seguito di cause non certe, sia chi perde oltre il 10% del proprio peso in seguito a diete.

La riammissione avviene solitamente dopo uno-tre mesi dal raggiungimento della stabilità ponderale.

Nessuna sospensione in presenza di certificato che dichiari che la procedura e stata eseguita da professionista qualificato e con l’utilizzo di aghi usa e getta.

· zone endemiche per malattie tropicali: 3 mesi dal rientro, dopo aver valutato lo stato di salute del donatore.

· zone a rischio malaria: 6 mesi dal ritorno (dettagli alla voce “malaria”)

· zona a rischio virus del Nilo occidentale (WNV):

. – 28 giorni dopo aver lasciato una zona con casi di malattia nell’uomo nell’anno in corso nei periodi di endemia;

. – 28 giorni dopo la risoluzione dei sintomi in casi in cui il donatore abbia contratto un’infezione;

· zona a rischio BSE: permanente I candidati donatori che hanno soggiornato nel periodo dal 1980 al 1996 per più di 6 mesi cumulativi nel Regno Unito sono sospesi in via definitiva.

si veda il sito del Ministero della Salute all’indirizzo: http://www.salute.gov.it/

navigando nell’area tematica Prevenzione e controlli > Promozione della salute > Malattie infettive > Approfondimenti > Informazioni per i viaggiatori.

Per l’assitenza sanitaria, entrare invece nell’area tematica Salute e cittadino > Assistenza all’estero.

http://www.italia.gov.it/ navigando nell’area Eventi della vita > Andare all’estero > Viaggiare.

ad eccezione di quelle per le quali sono trascorsi tre anni dall’ultima terapia anticonvulsiva senza ricadute.

· epatite A o B ( per immunoprofilassi);

· rabbia (per immunoprofilassi – se il vaccino è stato somministrato dopo morsicatura l’esclusione è per un anno);

· febbre tifoide e paratifoide;

· febbre delle Montagne Rocciose;

Nessuna esclusione per i vaccini dell’encefalite da zecche, se il soggetto sta bene e non vi è stata esposizione.

· zone endemiche per malattie tropicali: 3 mesi dal rientro, dopo aver valutato lo stato di salute del donatore.

· zone a rischio malaria: 6 mesi dal ritorno (dettagli alla voce “malaria”)

· zona a rischio virus del Nilo occidentale (WNV):

– 28 giorni dopo aver lasciato una zona con casi di malattia nell’uomo nell’anno in corso nei periodi di endemia;

– 28 giorni dopo la risoluzione dei sintomi in casi in cui il donatore abbia contratto un’infezione;

· zona a rischio BSE: permanente I candidati donatori che hanno soggiornato nel periodo dal 1980 al 1996 per più di 6 mesi cumulativi nel Regno Unito sono sospesi in via definitiva.

navigando nell’area tematica Prevenzione e controlli > Promozione della salute > Malattie infettive > Approfondimenti > Informazioni per i viaggiatori.

Per l’assitenza sanitaria, entrare invece nell’area tematica Salute e cittadino > Assistenza all’estero.

http://www.italia.gov.it/ navigando nell’area Eventi della vita > Andare all’estero > Viaggiare.

Ultimo aggiornamento (Sabato 04 Giugno 2011 11:21)


Written by PENNSYLVANIA


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *